SI! Lombardia” – Nuovi codici Ateco

Desideriamo informarvi chela Giunta Regionale della Lombardia ha approvato l’estensione della misura “SI! Lombardia” ad altri codici Ateco non previsti per le precedenti finestre.

Soggetti beneficiari

Possono presentare domanda in risposta al presente avviso le imprese in possesso dei seguenti requisiti di ammissibilità:

  • Essere iscritte al Registro delle Imprese e risultare attive;
  • Essere microimprese secondo la definizione di cui all’Allegato I del Regolamento UE 651 del 17/06/2014;
  • Avere una sede operativa attiva in Lombardia;
  • Essere operanti nei settori riportati nella tabella di cui all’Appendice 1 del presente avviso, sulla base del proprio codice ATECO primario;  
  • Trovarsi in almeno una delle seguenti condizioni:

   o Avere subito un calo di fatturato di almeno un terzo nel periodo marzo-ottobre 2020, rispetto al medesimo periodo del 20191;

   o In alternativa, essere state costituite a partire dal 1° gennaio 2019 (per tali imprese, infatti non è richiesto il requisito del calo del fatturato);

  • Non trovarsi in una procedura concorsuale per insolvenza;
  • Non avere alcuno dei soggetti di cui all’art. 85 del D.Lgs. 6 settembre 2011 n. 159 (c.d. Codice delle leggi antimafia) per il quale sussistano cause di divieto, di decadenza, di sospensione di cui all’art. 67 del citato D.Lgs.

 I requisiti di ammissibilità dovranno essere posseduti alla data di presentazione della domanda.

L’agevolazione consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto una tantum senza vincolo di rendicontazione. Gli aiuti saranno concessi entro e non oltre il 31 dicembre 2020

 Le domande dovranno essere presentate entro il 15 dicembre 2020 ore 17.00, salvo precedente esaurimento delle dotazioni finanziarie

Prima di procedere con la presentazione della domanda è necessario effettuare la “Registrazione preventiva a Bandi Online” (https://www.bandi.regione.lombardia.it/procedimenti/new/bandi/home)

La registrazione può avvenire:

  • Tramite identità digitale SPID;
  • Tramite Carta Nazionale dei Servizi (CNS) con PIN dispositivo;
  • Tramite credenziali di accesso (nome utente e password).

 La prima registrazione creerà il profilo “cittadino”. Occorrerà poi aggiungere anche il profilo “Azienda” col quale procederete alla richiesta dell’indennizzo. Per creare il profilo Azienda è sufficiente cliccare su “La mia area”, scorrere fino a “dati utente” e nella sezione profili cliccare su nuovo profilo “+”.

Si aprirà una schermata in cui vi sarà richiesto il codice fiscale. Per la ditta individuale occorre inserire il codice fiscale del titolare, per le società occorre inserire la partita IVA.

Cliccare su diritto privato

Cliccare Imprenditore individuale, libero professionista e lavoratore autonomo se ditta individuale, altrimenti si opziona società…

Se individuale, individuale non agricolo

Se società, il tipo di società

Si aprirà la schermata contenente i dati aziendali.

Verificare che l’ATECO primario dell’impresa, come risultante presso il Registro delle Imprese, corrisponda con quello proposto dal sistema informatico e, in caso di discordanza, procedere manualmente alla correzione: le domande che conseguentemente alle verifiche istruttorie non riportino correttamente l’ATECO primario come risultante presso il Registro delle Imprese saranno dichiarate inammissibili;

 Vi sarà chiesto di inserire la data di costituzione dell’attività, rilevabile dalla visura camerale.

All’atto della domanda controllate ancora ci sia corrispondenza con il codice Ateco riportato dal sistema;

In particolare, il rappresentante legale o titolare dell’impresa richiedente dovrà:

  • Dichiarare il possesso dei requisiti di ammissibilità di cui sopra “ Soggetti beneficiari”;
  • Inserire l’IBAN, verificando con estrema cura con la propria filiale di credito le coordinate corrette da inserire in domanda per consentire l’effettivo accredito del contributo.

Conclusa la compilazione della domanda, laddove l’accesso e la compilazione della domanda sia stato effettuato direttamente dal legale rappresentante o titolare dell’impresa tramite SPID o tramite CNS con PIN, la domanda potrà essere direttamente inviata e protocollata, senza necessità di firma elettronica;

laddove l’accesso sia effettuato dal legale rappresentante o titolare dell’impresa tramite nome utente e password sarà necessario:

  • Scaricare la “Domanda di partecipazione”, generata dal sistema informatico;
  • Sottoscrivere, da parte del legale rappresentante o titolare dell’impresa, la domanda con firma elettronica;
  • Ricaricare la domanda sul sistema informatico per poi procedere con l’invio al protocollo.

Quindi se l’accesso viene effettuato con nome utente e password sarà comunque necessario firmare elettronicamente la domanda. Pertanto è molto importante, qualora non disponeste di firma digitale, attivare subito lo SPID.

Ricapitolando, per la domanda è importante:

–     Controllare il giorno e l’ora di apertura del bando di propria competenza (in base ad Ateco) riportati nella tabella di cui all’Appendice1

  • verificare la correttezza del codice ATECO
  • verificare il calo del fatturato marzo-ottobre 2020 su marzo-ottobre 2019
  • procurarsi l’IBAN
  • Disporre dello SPID o della Carta nazionale dei Servizi

Restiamo a disposizione per fornirvi il massimo supporto.



Lascia un commento

Per offrirti il miglior servizio possibile, questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.